Sessant’anni per crescere 24 ore per morire – La pineta di Monte Santa Croce di Cerro al Volturno distrutta dall’incendio

Home >9 Blog >9 Sessant’anni per crescere 24 ore per morire – La pineta di Monte Santa Croce di Cerro al Volturno distrutta dall’incendio

Sessant’anni per crescere 24 ore per morire – La pineta di Monte Santa Croce di Cerro al Volturno distrutta dall’incendio

Dopo sessant’anni dalla sua piantagione un incendio scoppiato a monte del piccolo borgo di Cerreta distrugge completamente la pineta a est di Monte Santa Croce di Cerro al Volturno. Nessuno avrebbe mai pensato che poteva succedere una cosa del genere, nessuno si sarebbe immaginato che un incendio scoppiato a monte del piccolo borgo di Cerreta di Cerro al Volturno potesse arrecare un danno così grave a un territorio che per secoli ha dato ai pastori Cerresi la possibilità di vivere con i loro numerosi greggi che ogni anno si portavano a Pozzuoli per pascolare i loro greggi nei periodi invernali. Tutto è iniziato nella mattinata del 24 marzo a poca distanza dalle abitazioni circostanti il piccolo borgo di Cerreta dove è stato avvistato il principio del fuoco che alimentato da un forte vento proveniente da sud si è allargato immediatamente nella zona circostante per poi arrivare alle abitazioni di San Vittorino e iniziare il suo percorso fino a Monte Santa Croce. Appena dopo l’inizio dell’incendio sono intervenuti i Vigili del Fuoco e i Carabinieri della caserma di Castel San Vincenzo che hanno mantenuto salve le abitazioni circostanti l’incendio, ma fino a tarda notte non sono riusciti a spegnerlo del tutto per l’inaccessibilità di alcune zone del territorio incendiato. A breve saremo in grado di mostrarvi alcune fasi del video registrato durante la giornata.

Aggiornamento ore 01:45:00 il vasto incendio della zona a ovest della montagna è stato domata dal Corpo dei Vigili del Fuoco. Ringraziamo i Vigili del Fuoco che hanno lavorato fino alla notte per spegnere l’incendio e come sempre hanno offerto un servizio eccezionale.




Sofia
Author: Sofia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.