Da non dimenticare : Pezzi di storia dell’alto Volturno e dintorni

Home >9 Storia >9 Da non dimenticare : Pezzi di storia dell’alto Volturno e dintorni

Da non dimenticare : Pezzi di storia dell’alto Volturno e dintorni

Alcuni pezzi di storia  importanti degli ultimi anni della storia dell’alto Volturno e dintorni li troviamo qui.

Al Comune di Pizzone. Pivetti assumerà la carica di assessore.

Il sindaco di Pizzone Di Iorio chiama a far parte della sua giunta un personaggio di spicco nel mondo politico e televisivo. E’ l’ex Presidente della Camera Irene Pivetti, la più giovane della storia a rappresentare una così alta carica dello Stato, che dovrebbe assumere la delega al turismo….

Al Comune di Pizzone. Pivetti assumerà la carica di assessore -PER APRIRE CLICCA QUI
06.10.2013- Il sindaco di Pizzone Di Iorio chiama a far parte della sua giunta un personaggio di spicco nel mondo politico e televisivo. E’ l’ex Presidente della Camera Irene Pivetti, la più giovane della storia a rappresentare una così alta carica dello Stato, che dovrebbe assumere la delega al turismo a Pizzone (IS). E’ una notizia che con il passare del tempo diventa sempre più certa in quanto si parla già di date, il prossimo 18 ottobre si dovrebbe passare già direttamente all’investitura della carica e avere i pieni poteri per poter esercitare a pieno titolo la delega. La notizia la troviamo sulla pagina Facebook del sindaco e non solo, ne parlano quasi tutti i quotidiani regionali della sicura scesa in campo a Pizzone come assessore al turismo.

Attenzione alle facce sconosciute.

26.05.2010 – Una storia da non sembrare vera, eppure è successo a Cerro al Volturno. Due ladri si spacciano da medici entrano in casa e rubano una carta di credito. E’ stata questa l’amara sorpresa avuta da un signore di una frazione di Cerro al Volturno che si è trovato, dopo l’incontro avuto con questi due “signori” ladri, senza carta di credito addosso.

Attenzione alle facce sconosciute - CONTINUA A LEGGERE QUIi
26.05.2010 – Una storia da non sembrare vera, eppure è successo a Cerro al Volturno. Due ladri si spacciano da medici entrano in casa e rubano una carta di credito. E’ stata questa l’amara sorpresa avuta da un signore di una frazione di Cerro al Volturno che si è trovato, dopo l’incontro avuto con questi due “signori” ladri, senza carta di credito addosso. Il fatto è successo pochi giorni fa in una delle tredici frazioni di Cerro al Volturno (IS), due latri sono entrati in casa presentandosi come medici per fare una visita di controllo a un pensionato. Dopo aver scenata una visita all’uomo, dandogli addirittura consigli sulla quantità dei farmaci da prendere giornalmente per i suoi acciacchi di salute, gli hanno sottratto la carta di credito e sono andati via. Il malcapitato, a sera, nel fare una verifica dei suoi documenti che aveva in tasca, si è accorto che non aveva più la carta di credito. Il giorno dopo nel fare una verifica presso il suo istituto di credito ha costatato che mancavano 1500,00 euro sul suo conto. Il tutto è stato segnalato alle forze dell’ordine che, pur essendo sempre molto presenti e vigili sul territorio, non hanno potuto fare altro che raccogliere tutti gli indizi per trovare i colpevoli. Al fine di evitare spiacevoli sorprese invitiamo tutti i cittadini a segnalare, tempestivamente, alle forze dell’ordine persone e facce sospette che si aggirano nei paesi, prima per controllare e verificare il posto, e poi a rubare quello che trovano. ATTENZIONE A CHI BUSSA ALLA PORTA, NON LO CONOSCI, E VUOLE ENTRARE IN CASA PER QUALSIASI MOTIVO. SEGNALATE ALLE FORZE DELL’ORDINE QUALSIASI MOVIMENTO SOSPETTO.

Cerro al Volturno entra nella zona contigua del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise.

20.02.2010 – Ai centomila ettari di area contigua del Parco Nazionale di Abruzzo Molise e Lazio si vanno ad aggiungere altri 2492 ettari del comune di Cerro al Volturno. Questa è la notizia che ha dato il Presidente della Giunta regionale in una cena di lavoro svoltasi pochi giorni fa in un noto ristorante di Rocchetta al Volturno. …

Cerro al Volturno entra nella zona contigua del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise- CONTINUA A LEGGERE QUI.
20.02.2010 – Ai centomila ettari di area contigua del Parco Nazionale di Abruzzo Molise e Lazio si vanno ad aggiungere altri 2492 ettari del comune di Cerro al Volturno. Questa è la notizia che ha dato il Presidente della Giunta regionale in una cena di lavoro svoltasi pochi giorni fa in un noto ristorante di Rocchetta al Volturno. La cena di lavoro è stata organizzata dai cacciatori dell’alta valle del Volturno che, come ogni anno, si danno appuntamento in uno dei locali della zona per chiudere la campagna venatoria. La notizia che ha dato il Presidente era un impegno preso dallo stesso, l’anno scorso , su richiesta fatta dell’associazione dei cacciatori del comune di Cerro al Volturno. Sono finiti finalmente i problemi di convivenza con altri cacciatori provenienti da paesi al di fuori dell’alta valle del Volturno, che quotidianamente creavano problemi ai cacciatori del posto per l’alto numero dei cacciatori che nei giorni dell’apertura della caccia occupavano tutto il territorio, costringendo quelli del posto a dover trovare altre zone. I cacciatori, sicuramente molto soddisfatti per la notizia che ha sorpreso un po’ tutti per la sua celerità, nel ringraziare il Presidente e tutti coloro che si sono impegnati per l’obiettivo raggiunto, hanno sottolineato che sicuramente ci sarà un ponte di dialogo con il parco, per assicurare la massima correttezza e il rispetto di tutte le norme venatorio che regolamentano il Parco. L’impegno dei cacciatori non è un do ut des , così ha precisato uno dei partecipanti alla riunione, avere nel nostro territorio l’orso (vedi presenza a San Vittorino dell’anno scorso) il cerco , il daino, i lupi ed altri animali stanziali, è e dovrà essere fonte di turismo e non di carne al macello. Questa operazione nasce anche dalle preoccupazioni per la sopravvivenza dell’orso marsicano che continua a stanziare nella zona della “Valla Frina” con frequenti presenze sui monti di Santa Croce e Monte Curvale. Durante i lavori sono stati premiati cinque cacciatori più anziani che con la loro presenza sul territorio hanno vigilato sull’ambiente per evitare danni irreparabile ad un territorio che mantiene ancora intatta la sua originalità.

I Reali del Belgio affascinati dal Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

07.05.2011 – I Reali del Belgio visitano il Parco Nazionale Abruzzo Lazio Molise e provano una grande emozione per aver visitato un territorio incantevole e fuori dal comune. Dopo aver visitato Fondillo e la Camosciara ,dove hanno fatto un breve percorso a piedi si sono trasferiti sul lago di Barrea e qui hanno fatto colazione…

I Reali del Belgio affascinati dal Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise CONTINUA A LEGGERE QUI
07.05.2011 – I Reali del Belgio visitano il Parco Nazionale Abruzzo Lazio Molise e provano una grande emozione per aver visitato un territorio incantevole e fuori dal comune. Dopo aver visitato Fondillo e la Camosciara ,dove hanno fatto un breve percorso a piedi si sono trasferiti sul lago di Barrea e qui hanno fatto colazione. Accompagnati dal Presidente del Parco , dal Direttore, dalle guardie e dal suo seguito ,dopo una breve sosta sul lago di Barrea, i sovrani si sono recati alle “Forme” località che si raggiunge attraversando il pianoro di Valle Fiorita. Durante il loro cammino i reali hanno avuto la fortuna di incrociare diversi animali del Parco e questo ha reso ancora più sensazionale e suggestiva la visita. La visita non prevedeva protocolli con autorità locali e nazionali in quanto era strettamente privata e la notizia è stata diffusa da un comunicato stampa 34/2011 del Parco Nazionale Abruzzo, Lazio Molise.

l Referendum del 12 e 13 giugno 2011 nell’alto Volturno.

15.06.2011 – Gli elettori dei comuni dell’alto Volturno e dintorni hanno detto si al referendum del 12 e 13 giugno 2011 con percentuali che variano da comune a comune.  …

Il Referendum del 12 e 13 giugno 2011 nell’alto Volturno CONTINUA A LEGGERE QUI
15.06.2011 – Gli elettori dei comuni dell’alto Volturno e dintorni hanno detto si al referendum del 12 e 13 giugno 2011 con percentuali che variano da comune a comune. Tanti giovani si sono recati alle urne per dare una risposta secca alle scelte della politica e per dire ai governanti che nei momenti importanti fanno sentire la loro voce con forza e con successo. Non ha vinto nessuno della politica diceva un ragazzo che di frequente si confronto con me sui temi del sociali, abbiamo vinto noi, diceva ad alta voce ,perché con il voto abbiamo fatto una scelta di vita per il nostro futuro ma anche e soprattutto perché nel tempo saremo stati noi a pagarne le conseguenze. Da Colli al Volturno a Montenero Valcocchiara la vittoria del SI sui quattro quesiti è stata schiacciante, infatti troviamo una percentuale che va oltre il 90% su tutto e quattro i referendum. Dalla scheda si evidenzia che il maggior numero di elettori che si è recato alle urne sono stati quelli di Colli e a seguire Rocchetta al Volturno, Pizzone, Cerro al Volturno e Montenero Valcocchiara, mentre non hanno raggiunto il quorum i comuni di Acquaviva d’Isernia,Castel San Vincenzo , Rionero Sannitico e Scapoli. • I dato soni del Ministero degli Interni. • Erroneamente possono esser stati riportati dati errati nella tabella, pertanto non si possono considerare dati ufficiali.

Pizzone vince le Volturniade 2011

11.08.2011 – Chiudono i due giorni dei giochi “Volturniade” a Scapoli con la vittoria finale della squadra di Pizzone.
Vince e convince tutta la squadra del comune di Pizzone che ha partecipato ai giochi delle olimpiade “Volturniade” svoltesi il giorno otto e nove agosto a Scapoli. Una squadra ben preparata e attrezzata sia tecnicamente sia fisicamente per fronteggiare i già quotati vincitori della prima edizione 2010. Già dal primo giorno di gara la squadra di Pizzone si è piazzata al primo posto superando la vincitrice del torneo della passata edizione.
Molto divertenti i giochi della seconda serata che vedevano impegnati i concorrenti nella lotta sull’acqua e la corsa con la tina e altri giochi. Interessante il gioco che vedeva una donna impegnata a camminare velocemente con una tina intesta. La tina, prima che fossero fatte le condotte di distribuzione dell’acqua nelle abitazioni, è stata per decenni il mezzo comune per trasportare l’acqua dalle fontane pubbliche a casa. Erano proprio le donne quelle che, dopo aver riempito la tina nelle fontane o ancora prima delle fontane, alle sorgenti, con un fazzoletto in testa, portavano la tina in casa.
L’estrazione per prossimi giochi ha premiato ancora il comune di Pizzone che dovrà organizzare tutta la manifestazione del 2012. Arrivederci all’anno prossimo e che vinca ancora una volta il migliore.
Auguri alla squadra del comune di Pizzone e a tutti i concorrenti che hanno saputo e voluto mettersi in gioco per dare all’alto Volturno e dintorni due giorni di festa.

Residui bellici a Santa Croce

30.03.2011 – La seconda guerra mondiale fa ancora parlare di se. Un rilevamento del Corpo Forestale dello Stato del posto ha fatto intervenire gli artificieri di Napoli e Caserta per far brillare per un residuo bellico rimasto intatto sulla montagna di Santa Croce di Cerro al Volturno. Monte Santa Croce e Monte Curvale, durante l’offensiva degli alleati del 12 maggio 1944 furono costantemente presidiate prima dai Tedeschi e poi dagli alleati. Queste due montagne facevano parte del fronte Italiano dal Tirreno all’Adriatico (Gaeta-Ortona). Ancora oggi sono visibile le trincee scavate dai soldati per ripararsi dai bombardamenti. Poco distante dalle trincee di monte Curvale, alle ore 9,29 del 30 aprile 2010, è stata fatta esplodere una bomba che ancora custodiva tutta la sua pericolosità. All’operazione è intervenuto il Corpo Forestale dello Stato , due mezzi dell’esercito con gli artificieri e il pronto soccorso della Valle del Volturno. Prima di procedere all’operazione di sminamento è stato chiuso al traffico il tratturo comunale che porta a Montenero Valcocchiara e Rionero Sannitico ed è stata ben circoscritta tutta la zona interessata.

Scapoli (IS)- 20 – 30 e 31 FestiVal internazionale della zampogna.

26.07.2011 – La trentacinquesima edizione del Festival internazionale della zampogna e mostra mercato aprirà i battenti il 29 luglio e si protrarrà fino a domenica 31 luglio. Saranno tre giorni di grande festa a Scapoli, paese chiamato anche capitale della zampogna. Scapoli è un comune dell’alta valle del Volturno che conta 949 residenti ed è situato su una collina a 611 m sul livello del mare. La sua prima pietra risale al 982, quando Giovanni II autorizzò i coloni ad insediarsi sul posto prendendo il nome di “Scappeli”.
In occasione della festa della zampogna arriveranno da tutta Europa tanti appassionati e non di questo antichissimi strumento e come sempre troveranno porte aperte e una buona accoglienza da parte di tutta la comunità.
La festa e stata presentata pochi giorni fa a Isernia, dove hanno partecipato le massime autorità regionali e provinciali. Per festeggiare il centocinquantesimo anniversario dell’unità d’ Italiana, un noto maestro artigiano di Scapoli ha realizzato alcune zampogne speciali, di cui una sarà esposta a Bruxelles e le altre saranno donate ad autorità regionali e Italiane e Pontifice.

Tre scosse di terremoto nell’alto Volturno.

19.04.2011 – Tre scosse di terremoto hanno tenuto in apprensione i cittadini dell’alto Volturno e dintorni. La prima scossa e stata avvertita da quasi tutta la popolazione perché si è verificata alle ore 10,13,45 del giorno 17 con mag. 2.4, la seconda alle ore 21,37,20 sempre dello stesso giorno e la terza alle ore 01,12,24 del giorno 18 di mag.2.1- poco inferiore alla prima -Il sisma si è verificato ad una profondità di 9/10 Km nel distretto Monti della Meta-Le Mainarde.

Un anno di sport nell’alta valle del Volturno :

Campionato Regionale Molisano di prima categoria-girone A .

06.09.2011 – Una delle attività sportive che ha attratto maggiormente i cittadini dell’alta valle del Volturno è stato il calcio dilettantistico. E’ questo uno sport che ha sempre tenuto impegnato settimanalmente gli appassionati del calcio fin dagli anni sessanta, quando il Colli a Volturno e la squadra del Rocchetta al Volturno militavano nel campionato dilettantistico Campano. …

Campionato Regionale Molisano di prima categoria-girone A - CONTINUA A LEGGERE QUI
06.09.2011 – Una delle attività sportive che ha attratto maggiormente i cittadini dell’alta valle del Volturno è stato il calcio dilettantistico. E’ questo uno sport che ha sempre tenuto impegnato settimanalmente gli appassionati del calcio fin dagli anni sessanta, quando il Colli a Volturno e la squadra del Rocchetta al Volturno militavano nel campionato dilettantistico Campano. Erano tempi in cui il punto di riferimento organizzativo era la regione Campania e le nostre squadre dovevano incontrarsi con grossi club che ancora oggi sono alla ribalta calcistica nei campionati professionisti. A quei tempi gli appassionati e i tifosi arrivavano da tutto il circondario provinciale per assistere alle partite di calcio dove a Rocchetta al Volturno i Pontarelli organizzavano e giocavano le partite. Torniamo ai giorni nostri per parlare del campionato Regionale Molisano di prima categoria 2010-2011, dove partecipano tre squadre dell’alta valle del Volturno, la Cerrese, il Colli al Volturno e il Montenero Valcocchiara. La Cerrese chiude l’anno 2010 in testa alla classifica con 32 punti, mentre il Colli a Volturno si attesta al centro classifica con 21 punti e il Montenero Valcocchiara , purtroppo è penultimo con 9 punti. Facendo una valutazione sommaria delle tre squadre in discussione possiamo dire che la Cerrese dopo aver tentato, in estate, di fare la fusione con il Cerro al Volturno, ricompone il suo organico societario e con nuovi soci si iscrive al campionato regionale di prima categoria. Dopo aver allestito una buona squadra inizia il campionato vincendo in casa il derby con il Colli al Volturno, perde in casa alla quarta giornata con la Vairanese per poi vincere sei partite di seguito fino alla decima giornata. . Dopo altri e due pareggi arriva la sconfitta con il Real Prata per 3 a 0 e chiude l’anno vincendo un altro derby con il Montenero Valcocchiara per tre a due. Il Colli al Volturno è una squadra che a fine anno si è attestata al centro classifica, ma che può sicuramente ancora dire la sua durante il prosieguo del campionato. I ragazzi su quattordici partite giocate hanno pareggiato sei volte, perse quattro, di cui tre fuori casa e con le prime della classe, ha pareggiata una in casa e vinte quattro di cui una fuori casa. Con un po’ di fortuna in più e con maggiore grinta e volontà sicuramente a fine anno il sacco poteva essere più pieno. Il Montenero Valcocchiara parte con un handicap che si fa sentire in tutte le partite assegnate in casa. Infatti tutte le sue partite assegnate in casa le gioca in realtà su un campo neutro, a Castel di Sangro. Il terreno di gioco è ottimo, ma manca quel fiato che tanti spettatori ti mettono a dosso durante tutto l’arco della partita. Ed è così che inizia il campionato, perdendo le prime due partite; la prima fuori casa e la seconda in casa. Un bella vittoria alla terza giornata , quattro a uno sul Miranda fa riprendere fiato a tutta la squadra, ma poi perde alla quarta e alla quinta giornata prima fuori casa e poi in casa il derby con il Colli a Volturno. Due pareggi fanno ancora ben sperare per un recupero, ma, le cose ricominciano ad andare male e chiude l’anno 2010 con altre e sei sconfitte e un pareggio. La squadra ha tutte le potenzialità per salvarsi , basta crederci.

Una Chicca Sicuramente Da Non Dimenticare:Il Borgo Di Scapoli Premiato Con Il “ Diploma D’Europa 2012”.

L’Europa arriva anche nell’alta valle del Volturno e dintorni con il “Diploma d’Europa 21012” conferito al comune di Scapoli dall’Assemblea Parlamentare per la diffusione dell’Unione Europea per le sue manifestazioni che annualmente svolge a Scapoli. …

Una Chicca Sicuramente Da Non Dimenticare:Il Borgo Di Scapoli Premiato con il Diploma D’Europa 2012
Un riconoscimento che fa onore a tutta l’alta valle del Volturno e dintorni ma che sicuramente ha porta alla cittadinanza di Scapoli e alla sua Amministrazione una grande soddisfazione per aver trovato la strada giusta da percorrere per portare i nostri paesi nel settore che più si addice al nostro territorio: il turismo. Lo sfruttamento di queste risorse naturali di cui possiede il territorio, unitamente alla vicinanza con luoghi molto forti dal punto di vista turistico possono rappresentare la chiave di svolta per una vera e propria esplosione turistica in una zona potenzialmente bellissima come la nostra terra ed ecco una prima prova di come è possibile portare fuori confini i nostri paesi. Con la promozione delle nostre zone manifestandone le sue bellezze e peculiarità, si possono ottenere anche successi notevoli. Peccato che siamo molto lontani dalle vie di comunicazioni principali, manca sicuramente una direttrice importante che colleghi il Tirreno con l’Adriatico , l’autostrda poteva essere un punto di partenza. Peccato , speriamo che nel prossimo futuro ci siano altre opportunità per portare il Molise più velocemente nel mondo che conta.

SE HAI DA INSERIRE UN RICORDO IMPORTANTE DELLA STORIA  DI TUTI ITEMPI  SCRIVICI

Sofia
Author: Sofia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.