La festa della Madonna dell’Arco com’era una volta a Valloni di Cerro al Volturno

Home >9 Eventi >9 La festa della Madonna dell’Arco com’era una volta a Valloni di Cerro al Volturno

La festa della Madonna dell’Arco com’era una volta a Valloni di Cerro al Volturno

La festa della Madonna dell’Arco cade il giorno del Lunedì dell’Angelo. Per i Vallonesi di Cerro al Volturno (IS) e per gli abitanti di tutte le altre frazioni, era questa una giornata dedicata al ringraziamento per aver fatto ritornare i pastori da Pozzuoli e dalle Puglie, ( La Transumanza)  dove avevano passato l’intera stagione invernale. Una testimonianza di uno di questi giorni c’è riproposta da Domenico , che ha vissuto tante di queste giornate a Valloni insieme alla sua fidanzata; oggi felicemente coniugata con lui. Domenico ricorda che era questa l’unica giornata possibile per stare insieme con la propria ragazza, senza avere al seguito il/la solito/a compagno/a: la mamma della fidanzata o un fratello minore. E già, perché! fino agli anni settanta le giovani donne venivano guardate a vista dai loro familiari ed era in sostanza impossibile avere un momento di privacy. Le giovani coppie partivano di buon mattino per recarsi a Valloni, dove per tradizione si festeggiava la scampagnata del Lunedì dell’Angelo. Gli alimenti erano portati con delle ceste, dove cera di tutto: dal primo piatto  ai dolci, tutti preparati con cura durante la settimana Santa.

 

 

 

 

 

 

Le aie erano il posto ideale per la scampagnata, dove, due grandi della fisarmonica si esibivano per far ballare le giovani coppie. ” Le aie una volta erano usate per il deposito dei covoni e poi per la trebbiatura fatta con gli asini che giravano interno a se stessi.” Durante il giorno la festa era arricchita da partecipanti con manifestazioni varie. Tra le tante , Domenico ricorda il tiro della fune. Squadre composte da frazioni diverse si contendevano un trofeo indicativo di campione del tiro alla fune per l’anno in corso. Un altro gioco molto praticato era quello del palo della cuccagna. A sera, si ritornava a casa a piedi, quasi completamente affaticato, ma, la gioia di stare per un giorno, da solo, insieme con la propria ragazza ti faceva passare i problemi della stanchezza fisica.

Video di Testa R.

Sofia
Author: Sofia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.